Tutto sposi, come cambia il matrimonio

Un tempo ci si giurava amore eterno e il legame consacrato sull’altare non conosceva ostacoli. Oggi qualcosa è cambiato.

La modernità ha forse reso meno solido il concetto di matrimonio, come dimostrano i dati Istat: l’indagine condotta sullo stato dei divorzi e delle separazioni in Italia evidenzia come sia diminuita la durata dei matrimoni; la media è infatti di 15 anni. Secondo l’ISTAT, i matrimoni celebrati nel nostro paese nel 2009 sono stati 230.613 e poco più di 217 mila nel 2010.

Inoltre è aumentata l’età media in cui, per ovvi motivi socio-economici, si decide di convolare a nozze. Chi si sposa, però, non rinuncia a progettare un matrimonio a regola d’arte, secondo i crismi della tradizione, magari risparmiando. Va di moda, infatti, il matrimonio “low-cost”.

A dimostrarlo sono le scelte delle giovani coppie, sempre più orientate a una versione “economica” del giorno più bello. Fattori di cui si è tenuto conto anche nella ventesima edizione della fiera “Tutto Sposi”, in scena a Firenze dal 31 ottobre al 4 novembre, per tener testa alla concorrenza estera che sempre più spesso, ad esempio, propone tramite il web abiti da sposa a prezzi stracciati.

Una pratica diffusa soprattutto tra i produttori cinesi, indiani e romeni, che provano a stuzzicare la clientela con cifre che oscillano tra i 100 e i 250 euro.

Ma alla qualità e alle garanzie del Made in Italy, in realtà, pochi intendono rinunciare, anche perché la gamma dei prezzi è piuttosto ampia e offre diverse possibilità. Si va infatti dai 1.500 euro fino ai 5.000.

Quanto ai modelli e alle novità, c’è da sbizzarrirsi tra gli abiti con ricami, cristalli (come quelli con il corpetto ricamato in Swarovski o quelli con il bustino in pizzo e ampia gonna in tulle). E per le più audaci, il colore dell’anno non é più il bianco, ma addiritturail nero. Probabilmente un azzardo un po’ lugubre, o forse un’idea estremamente chic. C’è da dire che, in tal senso, la moda non conosce limiti.

Abiti a parte, il salone degli sposi, ospitato alla Fortezza da Basso, è stato animato 130 espositori provenienti da tutta Italia e selezionati tra i principali operatori del settore.  Per un matrimonio curato nel minimo dettaglio, si è data visibilità a tutte le realtà imprenditoriali interessate: oltre agli abiti da cerimonia, catering, agenzie di viaggi, agenzie immobiliari, complementi d’arredo, articoli da regalo, bomboniere, centri estetici, parrucchieri, fioristi, fotografi, intrattenimento, liste di nozze, pasticcieri, ristoranti, wedding planner e molto altro ancora.

Tante idee in vetrina per “studiare” al meglio il matrimonio dei vostri sogni!